L'Istituto

 

Tra Arte Musica e Storia

L'origine dell'Istituto d'Arte "A. Passaglia" risale all'antica "Scuola o Accademia", fondata nel XVII secolo dal noto pittore lucchese Pietro Paolini, che, successivamente trasformata in "Accademia lucchese di pittura e disegno", sotto i Baiocchi, muta nome in "Liceo Felice" e poi in "Liceo Reale".
Il Liceo, al quale era stata annessa nel 1837 la "Scuola di Arti e Mestieri, con il trasferimento nell'attuale sede di Piazza Napoleone, diventa nel 1861 "Regio Istituto di Belle Arti ". Il prestigio della scuola si accresce nel corso degli anni soprattutto per la presenza d'insegnanti - direttori di chiara fama, come Augusto Passaglia e Sandro Martini e di artisti -allievi tra i quali Lorenzo Viani e Antonio Fontanesi.

Dal 1972 l'Istituto si rinnova con l'introduzione di un biennio superiore e, successivamente, di un corso sperimentale assistito Michelangelo per trasformarsi poi dal 2003 nell'attuale Istituto d'Arte che offrono agli studenti la possibilità di acquisire, attraverso una didattica modulare, una reale interazione fra esperienze "teorico - cognitive" ed esperienze peculiari del "saper fare"

Il Liceo Artistico nasce, con i corsi ordinari Accademia ed Architettura, nel 1967 sotto la direzione dello storico Prof. Mario Bergomi;in seguito si trasferisce nell'attuale sede dello storico palazzo Buonvisi , situato nel cuore della città.

Dagli anni '80 inizia un rinnovamento curriculare per assicurare l'accesso alle nuove aree professionali che integrano le arti figurative con la produzione industriale, la tecnologia e la comunicazione, grazie all'introduzione del corso sperimentale autonomo ad indirizzo
"visivo - ambientale", caratterizzato da un originale impianto progettuale integrato alle arti visive, architettoniche e plastiche. Negli stessi anni vengono attivati anche i corsi serali, nell'ambito dell'educazione permanente destinata ad un'utenza adulta. Nell'anno scolastico 2000-2001 l'offerta formativa del Liceo Artistico si arricchisce grazie all'attivazione del corso sperimentale ministeriale ad indirizzo "musicale - multimediale", finalizzato alla conoscenza della storia della tradizione musicale e delle nuove tecnologie applicate ai linguaggi musicali.

 

Dall'anno scolastico 1997/98 le due Scuole sono state accorpate, dando vita ad UN POLO ARTISTICO INTEGRATO dei diversi linguaggi artistico-espressivi che si propone di educare al futuro nel rispetto, tutela e salvaguardia della tradizione del passato operando in funzione del consolidamento del patrimonio artistico culturale per le future generazioni. Notevole è stato negli ultimi anni lo sforzo organizzativo per dotare la scuola degli strumenti necessari per la realizzazione dei nuovi progetti: il Liceo risulta oggi dotato d'attrezzature didattiche d'elevato livello (ad esempio il laboratorio multimediale) in grado di sostenere le esigenze di un'aggiornata preparazione teorico-pratica.

Dall'anno scolastico 1977/78 è stato attivato il corso serale: questa scelta ha anticipato il più vasto progetto del diritto allo studio aperto agli adulti, più tardi portato avanti a livello nazionale.Il Palazzo Buonvisi: cenni storico-artistici. Fu edificato nella seconda metà del XVI sec. per volontà della omonima famiglia lucchese, di antiche origini, che si era arricchita con il commercio, tenedo banchi nei principali centri europei. La struttura riprende la distribuzione degli ambienti tipica dell'archittetura fiorentina del Rinascimento e presenta una facciata spartita da un duplice ordine di finestre con timpano, conclusa con una serie di finestrelle, incorniciate a cartella , dove appare evidente la consapevole rielaborazione degli schemi manieristici toscani. Dopo un lungo periodo d'abbandono e di degrado, il palazzo è stato recuperato, alla fine degli anni '70, con una sapiente opera di restauro da parte della Sovrintendenza e del Comune di Lucca, che ha restituito all'edificio il suo aspetto originale.

 

L’importanza storica dell’odierno Istituto d’Arte “A. Passaglia” è sottolineata anche dai prestigiosi nomi che hanno diretto, insegnato o studiato nel Regio Istituto di Belle Arti, prima, e poi nell’Istituto d’Arte “A. Passaglia”. L’origine dell’Istituto risale alla famosa Accademia d’Arte di Pietro Paolini (1603-1681) la quale possedeva un cospicuo patrimonio di: stampe, disegni e gessi utilizzati a fini didattici. Nel corso degli anni l’Accademia andava assumendo anche una nuova veste museale: era infatti obbligatorio per gli allievi lasciare in dono alla fine degli studi una loro opera. In età napoleonica l’Accademia ebbe un nuovo ordinamento didattico: era nata la scuola di Disegno e Architettura, che dopo vari cambiamenti di sede nel 1861 si trasferisce nell’attuale sede di piazza Napoleone. Il prestigio dell'Istituto si accresce nel corso degli anni per la presenza di insegnanti-direttori di chiara fama come Augusto Passaglia e Sandro Martini e di artisti-allievi tra i quali Lorenzo Viani e Antonio Fontanesi. Nel 2007 in occasione della celebrazione dei 200 anni di storia del nostro Istituto è stata inaugurata la sala dedicata a Matteo Civitali (1400) aperta al pubblico che raccoglie le copie in gesso di alcune opere del grande scultore lucchese, restaurate dagli alunni della nostra scuola. L’istituto d’arte dispone di una biblioteca prevalentemente storico artistico. Qui è possibile reperire saggi, monografie, repertori e riviste di design, arte, architettura. Dalle più avanzate esperienze artistiche il nostro Istituto ha ripreso i Laboratori, dove dalla progettualità si passa alla verifica dell’oggetto artistico. Laboratori specifici di: Arredamento-Architettura, Ceramica (Decorazione e Foggiatura), Scultura (Formatura e Marmo), Decorazione del Tessuto, Lacche e Doratura, Pittura Murale, Laboratorio Informatico. Le illustri origini del nostro istituto sono riflesse nella raccolta di gessi che si avvale di numerose copie da opere antiche conservate nella Gipsoteca, patrimonio che arricchisce e dà una impronta museale alla nostra sede. La Gipsoteca è aperta al pubblico ed è visitabile gratuitamente in orario scolastico.